Sede Opel a Ruesselsheim

Opel logo Opel


Opel Automobile GmbH è una casa automobilistica tedesca. Con sede a Rüsselsheim am Main, Assia. Germania. Dal 1929 Opel è di proprietà della General Motors. E nel 2017 è stata acquistata dal Groupe PSA-Stellantis.

Storia del marchio Opel


Fabbrica di macchine da cucire Adam Opel.

La storia di Opel inizia nel 1862, quando l'imprenditore tedesco Adam Opel costruì la prima macchina da cucire Opel. E nel 1863, nella stalla del padre, aprì una piccola impresa per la produzione di macchine per cucire. Nel 1968 era già stata costruita la fabbrica Adam Opel e negli anni successivi furono vendute decine di migliaia di macchine da cucire. Nel 1895 Adam Opel morì lasciando l'azienda alla moglie e ai figli. All'inizio del 20° secolo, le vendite di macchine da cucire Opel sono diminuite drasticamente a causa della saturazione del mercato. Nel 1911 scoppiò un incendio in fabbrica, dopodiché si decise di interrompere la produzione di macchine per cucire.

Adam e Sophie Opel 1868
Fabbrica di biciclette Opel 1927

Opel e biciclette.

I figli di Adam Opel erano appassionati di biciclette e alla fine riuscirono a convincere il padre a investire nella produzione di biciclette. E nel 1886 fu prodotta la prima bicicletta Opel e nel 1998, ad esempio, furono vendute 15mila biciclette. Dopo un incendio in fabbrica nel 1911, ci fu un'interruzione nella produzione di biciclette, ma già nel 1912 la produzione fu ripresa. E nel 1920 Opel era diventata il più grande produttore di biciclette e ciclomotori al mondo. Nel 1936, l'attività di biciclette di Opel fu venduta

La prima auto Opel.

Lo stesso Adam Opel non ha mai avuto intenzione di produrre automobili, ma tre anni dopo la sua morte, Sophie Opel, su consiglio dei suoi figli, decise di costruire automobili. Nel 1899 fu costituita una joint venture con il pioniere automobilistico Friedrich Lutzmann. E nello stesso anno fu costruita la prima vettura Opel-Lutzmann. Tuttavia, non potevano competere con le auto francesi allora altamente sviluppate, quindi la produzione di automobili fu interrotta per un po'.

La prima auto Opel
Opel 4/8 PS 1910

Le auto di Opel.

Dal 1902 al 1907 Opel collaborò con l'azienda francese Automobiles Darracq SA, che forniva alla Germania telai con motori, sui quali Opel mise le carrozzerie originali. Queste auto sono state vendute con il nome di Opel-Darracq. Tuttavia, nel 1902, Opel sviluppò anche la propria auto: 10/12 CV. Molto apprezzata anche la Opel 4/8 PS, prodotta nel 1909, una decappottabile a due posti che molti medici usavano per le visite domiciliari, per la quale ricevette subito il soprannome di Auto del dottore. E nel 1912, ad esempio, furono costruite più di 3mila auto. Fu anche in questo periodo che Opel iniziò a produrre motociclette e camion.

Opel e General Motors.

Nel 1928, Opel era diventata la più grande casa automobilistica in Germania, rappresentando il 44% di tutte le auto. E nel 1929, Wilhelm von Opel e suo fratello Friedrich Opel vendettero l'80% delle azioni Opel al gruppo automobilistico americano General Motors. E nel 1931 Opel era completamente sotto il controllo della General Motors. Il motivo della vendita era la crisi economica e il prezzo di vendita era di 33 milioni di dollari o 154 milioni di Reichsmark. I fratelli Opel rimasero membri del consiglio di sorveglianza, sotto la guida di Fritz von Opel. Inoltre, sono stati mantenuti il nome Opel e la politica del modello indipendente.

Responsabile della vendita di Opel General Motors
Opel Blitz S

Opel e la seconda guerra mondiale.

Dopo che l' NSDAP guidato da Hitler prese il potere nel 1933, la General Motors non lasciò la Germania. Fino al 1936, posizioni chiave furono occupate dai nazionalsocialisti e gli ebrei lavoratori furono licenziati o trasferiti negli Stati Uniti. Durante la seconda guerra mondiale, l'azienda produsse il più importante camion della Wehrmacht, il camion Blitz S da 3 tonnellate. Inoltre, lo stabilimento di Rüsselsheim produceva anche motori, parti per missili e siluri, nonché componenti per Junkers Ju 88 e Messerschmitt Me 262. Opel aveva officine a Varsavia e Riga per riparare l'equipaggiamento militare utilizzato sul fronte orientale.

Opel e il lavoro forzato.

A differenza di altre compagnie automobilistiche tedesche, Opel rifiutò di assumere prigionieri nei campi di concentramento e ricorse ai lavori forzati. Inoltre, dal 1933, i lavoratori sono stati costantemente sottoposti al terrore della sicurezza delle fabbriche fasciste. Nel 1942, ad esempio, il 52 per cento dei 4.000 lavoratori della fabbrica di autocarri di Brandeburgo erano lavoratori forzati stranieri, nella fabbrica di Rüsselsheim il 20 per cento dei 18.500, secondo altre fonti - il 35 per cento.

Lavoro forzato presso lo stabilimento Opel
Opel Kapitan 1948

Opel dopo la seconda guerra mondiale.

Nell'estate del 1944, le fabbriche Opel furono gravemente danneggiate dai bombardamenti alleati e la fabbrica di camion nel Brandeburgo fu smantellata. Nel 1945, nell'unico stabilimento Opel rimasto a Rüsselsheim, per conto delle autorità della zona di occupazione americana, furono riparate automobili, principalmente Opel. La prima auto Opel del dopoguerra fu il camion Blitz, rilasciato nel 1946. Lo stabilimento di camion Opel nel Brandeburgo e lo stabilimento di Rüsselsheim per la produzione della Opel Kadett furono portati in Unione Sovietica come riparazione nel 1946. E solo nel 1947 Opel fu in grado di riprendere la produzione di automobili a Rüsselsheim. Il primo modello di successo fu l' Opel Olympia, seguito nel 1948 dall'Opel Kapitan. .

Opel oggi.

Nel 1962 Opel apre un secondo stabilimento a Bochum, dove viene prodotta la Opel Kadett. Negli stessi anni, Opel lancia nuovi modelli: Commodore, Manta e sport GT. Nel 1971 erano già state prodotte 10 milioni di auto e Opel divenne nuovamente il leader del mercato automobilistico in Germania. Entro il 1999, 50 milioni di auto, e nello stesso anno il debutto del minivan Opel Zafira. Nel 21° secolo, Opel lancia nuovi modelli: Meriva, Signum, Insignia,... . È stato inoltre sviluppato un nuovo motore ECOTEC. Tuttavia, nonostante la nuova formazione e tecnologia, Opel Europe ha continuato a generare perdite di miliardi di dollari per General Motors. Nel 2009 la General Motors voleva vendere Opel, l'acquirente era il consorzio internazionale Magna International e la russa Sberbank. Tuttavia, l'accordo è fallito perché la General Motors e il governo degli Stati Uniti temevano che la Russia potesse avere accesso alla tecnologia dell'azienda americana. E solo nel 2017, Opel è stata ancora venduta alla società PSA Group - Sellantis.

GM annuncia la vendita di Opel a Magna e Sberbank.
Tutti i loghi Opel dal 1862 al 2017

Storia del logo Opel.

Il primo logo Opel significa le iniziali di Adam Opel, una lettera A bordeaux all'interno di una lettera O scarlatta. Nel 1886, con l'inizio della produzione di biciclette, compare un logo - un ciclista e un angelo che vola sopra di lui, con la scritta - Victoria Blitz - che in traduzione significa Vittoria fulminea. Nel 1902, con l'uscita delle motociclette, compare un logo con la scritta - Motorwagenfabrik, che venne installato anche sulle prime vetture. Nel 1906 un logo in stile egiziano con la scritta OPEL RUSSELHEIM. Nel 1909 esisteva un semplice logo con la scritta Opel, e dal 1910 a forma di occhio. Nel 1937, il dirigibile che volava attraverso la lettera O apparve nel logo Opel. E il logo che conosciamo oggi è apparso nel 1963, grazie ai camion Blitz, che significa fulmine. Nel corso degli anni il design del logo è cambiato, ma la base è rimasta la stessa: il fulmine e la lettera O. Blitz e Opel.


Opel - Recensioni

Recensioni


- 5 / 1 Recensioni

Aggiungi recensione

- Vota - 0

Opel Valutazione 5


Otto Frank 7.11.2022

Wenn ich deinen Artikel lese, bekomme ich den Eindruck, dass General Motors und Amerika, obwohl sie nicht mit den Nazis kooperierten oder ihnen halfen, dennoch mit ihnen zusammenarbeiteten. Ich wollte nur hinzufügen, dass 1941 der letzte amerikanische Manager Opel verließ, und bereits 1942, nachdem Deutschland Amerika den Krieg erklärt hatte, wurde Opel aus der Bilanz von General Motors als Vermögenswert im Land des Angreifers abgeschrieben. Und deshalb denke ich, dass GM, vertreten durch Amerika oder die Amerikaner, nichts mit den Verbrechen der Nazis zu tun hat. Dies ist meine Meinung ... und danke für den Beitrag.